Psicologia e Spiritualità

(PER APPROFONDIRE CONTENUTI SOTTO RIPORTATI, POTETE ANDARE NEL SITO www.bolognapsicologo.it )

La grande rivoluzione nella psicoterapia si è realizzata verso la metà del ventesimo secolo, tramite l’apparizione delle psicoterapie umanistiche e transpersonali. Con il loro aiuto è possibile la liberazione dalle paure, dalle sofferenze e dai condizionamenti frustranti offrendo all’essere umano l’opportunità di ricostruire la sua personalità su nuove basi.

In più, la psicologia e la psicoterapia transpersonale permettono l’accesso ad una dimensione interiore ancora inesplorata, quella del sacro, dello spirito: tutto è  centrato sul viaggio interiore verso il Sé e sulle esperienze di espansione della coscienza (e questo è un aspetto che accomuna questo tipo di psicologia con le discipline spirituali, come lo Yoga e il Tantra).

Secondo Jung, l’origine delle sofferenze umane è il fallimento dell’unificazione con la parte più elevata che ciascuno ha dentro di sé. “L’avvicinamento alla sacralità, alla divinità è la terapia essenziale; una volta che quest’esperienza dell’avvicinamento al sacro avviene, la malattia sparisce.”
Anche Roberto Assagioli, il fondatore in Italia della Psicosintesi (una forma di psicologia transpersonale), affermava: “Lo scopo ultimo della psicologia è quello di portare l’essere umano verso il conoscere supremo di Sé”.

Maslow, studiando i bisogni umani, li classifica in cinque gruppi: fisiologici, di sicurezza, di integrazione, di autostima e di autorealizzazione. Dopo avere studiato un grande numero di esperienze psichiche e spirituali di picco, ha scoperto un altro livello superiore che unifica tutte le tendenze di superamento dell’essere umano, livello che lui ha chiamato transpersonale.

Oltre il quinto bisogno umano fondamentale, quello dell’autorealizzazione, esiste un desiderio imperioso di trascendenza, la necessità di una vita profondamente spirituale che, superando i limiti abituali della personalità umana, spinge l’individuo a mettersi al servizio degli altri e del Bene Supremo: a questo livello si parla di un meta-bisogno profondo dell’essere umano di Bellezza, Verità, Sacralità, di autentici valori spirituali.

E’ apparsa così una nuova prospettiva scientifica sul mondo che ha una visione spirituale. L’universo non è formato da oggetti materiali separati, ma ha una struttura energetica fluidica, come il nostro corpo. Esiste un’unità fondamentale tra l’uomo e l’Universo e una Coscienza-Energia che agisce in questo Universo.

A sostegno dell’affermazione che:
’’l’Universo è un intero in cui tutte le parti sono unite tra di loro”
ci sono varie teorie tra cui: le teoria dell’olomovimento di David Bohm (1980), la teoria olografica del cervello di Karl Pribram (1971), la causalità morfogenetica di Rupert Shaldrake (1981)… ecc.